Codice Etico Friulclean

Consulta il Codice Etico della Friul Clean oppure clicca sul link qui sotto per scaricarlo in versione PDF.


1 INTRODUZIONE

1.1 MISSIONE
FRIULCLEAN ha la missione di progettare servizi di pulizie e logistica valorizzando le proprie risorse, in grado di soddisfare e creare valore per i propri Clienti.

1.2 IL CODICE ETICO AZIENDALE
Questo documento esprime gli impegni e le responsabilità etiche nella conduzione degli affari e delle attività aziendali assunti da FRIUL CLEAN e dai propri collaboratori. Il Codice Etico Aziendale costituisce elemento fondamentale del complesso di norme interne e procedure adottato da FRIUL CLEAN per il recepimento della disciplina prevista dal decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231 e s. m. i. in tema di responsabilità amministrativa delle Società.

1.3 RIFERIMENTI E APPROVAZIONE
Per la sua redazione FRIUL CLEAN ha seguito il citato decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231 e s. m. i. in tema di responsabilità amministrativa delle Società. Il presente documento è stato approvato dal Consiglio di Amministrazione di FRIUL CLEAN.

1.4 APPLICAZIONE
Il Codice Etico si applica a FRIUL CLEAN ed è conseguentemente vincolante per i comportamenti di tutti i suoi collaboratori siano essi amministratori, soci, dipendenti. Tale impegno vale anche per i consulenti, fornitori, clienti e per chiunque abbia rapporti professionali con FRIUL CLEAN; l’azienda non inizierà o proseguirà alcun rapporto con chi non intenda allinearsi a questo principio.

1.5 PRINCIPI GENERALI
FRIUL CLEAN ha guadagnato negli anni una posizione di leadership nel settore, grazie alla propria capacità, competenza ed indipendenza e con il rispetto dei principi fondamentali di equità, onestà e buon senso, che sono il cuore della filosofia e dei valori della Società, e degli standard aziendali. Tutti i rapporti con dipendenti, clienti, partner, concorrenti, fornitori e colleghi devono basarsi su questi valori. Questo documento non è ovviamente inteso ad affrontare ogni caso in cui si è chiamati ad operare, ma vuole ricordare ad ognuno la necessità di attenersi a principi etici di base nella conduzione quotidiana del proprio lavoro.
FRIUL CLEAN reputa che per costruire rapporti corretti e duraturi siano necessari l'onestà, la sincerità e la lealtà. Tutti gli aspetti del nostro lavoro devono basarsi sui più elevati standard etici.

2 ETICA DEI RAPPORTI DI LAVORO

2.1 RISPETTO DELLE LEGGI E DEI REGOLAMENTI VIGENTI
FRIUL CLEAN opera nell’assoluto rispetto delle leggi e delle normative vigenti nei paesi in cui svolge la propria attività, in conformità ai principi fissati nel Codice Etico Aziendale ed alle procedure interne. L’integrità morale ed il rispetto del principio sopra esposto è un dovere costante di tutti coloro che hanno rapporti con FRIUL CLEAN e caratterizza i comportamenti di tutta l’organizzazione. Gli amministratori ed i dipendenti di FRIUL CLEAN, nonché coloro che a vario titolo operano con la stessa, sono pertanto tenuti, nell’ambito delle rispettive competenze, a conoscere ed osservare le leggi ed i regolamenti vigenti in tutti i Paesi in cui la medesima opera. In tale contesto rientrano anche l’attenzione ed il rispetto delle normative che regolano la concorrenza, sia sul mercato nazionale che a livello internazionale. FRIUL CLEAN applica rigorosi principi e criteri contabili atti a fornire informazioni finanziarie esatte e complete, ed a mantenere controlli e processi interni idonei ad assicurare che la contabilità e le comunicazioni finanziarie siano conformi a quanto previsto dalle leggi in vigore. I soci/dipendenti devono fare del loro meglio per sostenere gli sforzi della Società in questo campo.

2.2 RAPPORTI CON I CLIENTI
L’attività di FRIUL CLEAN è focalizzata alla soddisfazione ed alla tutela dei propri clienti dando ascolto alle richieste che possono favorire un miglioramento della qualità dei prodotti e dei servizi. La Politica della SA8000, è coerente con questo obiettivo. I rapporti con le Autorità di quanti operano per FRIUL CLEAN devono essere improntati alla massima correttezza, trasparenza e collaborazione, nel pieno rispetto delle leggi, delle normative e delle loro funzioni istituzionali. Somme di denaro illegali e tangenti sono assolutamente proibite da FRIUL CLEAN in qualunque circostanza. Non è mai consentito ricevere o dare denaro, indipendentemente dall'importo. I regali personali o i trattamenti di favore che siano condizione esplicita o implicita per ottenere affari in cambio del regalo o del trattamento di favore non sono mai ammessi. Nessun dipendente o dirigente FRIUL CLEAN può prendere o dare somme di denaro illegali o tangenti da o ad appaltatori, subappaltatori, consulenti, commerciali, fornitori, concorrenti o clienti. Regali e oggetti promozionali possono essere dati a Clienti se non eccedono i normali rapporti di cortesia e comunque devono essere di modico valore, sempre nel rispetto delle leggi; ciò non deve essere interpretato come una ricerca di favori.


2.3 RAPPORTI CON I FORNITORI
FRIUL CLEAN intende avvalersi di fornitori competenti, fidelizzati ed in grado di “fare squadra” con i dipendenti interni in un rapporto di indispensabile e reciproca lealtà, trasparenza e collaborazione. In ogni caso, nell’ipotesi che il fornitore, nello svolgimento della propria attività per FRIUL CLEAN, adotti comportamenti non in linea con i principi generali del presente Codice Etico Aziendale, FRIUL CLEAN è legittimata a prendere opportuni provvedimenti fino a precludere eventuali altre occasioni di collaborazione. Le relazioni con i fornitori sono regolate da principi comuni e sono oggetto di un costante monitoraggio da parte di FRIUL CLEAN. La stipula di un contratto con un fornitore deve sempre basarsi su rapporti di estrema chiarezza, secondo le procedure previste. Non sono etici i comportamenti di chiunque, cerchi di appropriarsi dei benefici della collaborazione altrui, sfruttando posizioni di forza.

2.4 RAPPORTI CON I CONCORRENTI
FRIUL CLEAN intende tutelare il valore della concorrenza leale astenendosi da comportamenti collusivi, e di abuso, certa che la collaborazione ed il confronto è un’occasione di miglioramento del proprio standard di qualità.

2.5 RAPPORTI CON I COLLABORATORI
La valutazione del personale da assumere è effettuata in base alla corrispondenza dei profili dei candidati rispetto a quelli attesi e alle esigenze aziendali, nel rispetto delle pari opportunità per tutti i soggetti interessati. Le informazioni richieste sono strettamente collegate alla verifica degli aspetti previsti dal profilo professionale e psicoattitudinale, nel rispetto della sfera privata e delle opinioni del candidato. Il personale è assunto con regolare contratto di lavoro; non è tollerata alcuna forma di lavoro irregolare. Alla costituzione del rapporto di lavoro ogni collaboratore riceve accurate informazioni relative a:
• caratteristiche della funzione e delle mansioni da svolgere;
• elementi normativi e retributivi, come regolati dal contratto collettivo nazionale di lavoro;
• norme e procedure da adottare per la propria attività lavorativa.
Tali informazioni sono presentate al collaboratore in modo che l'accettazione dell'incarico sia basata su un'effettiva comprensione. FRIUL CLEAN evita qualsiasi forma di discriminazione nei confronti dei propri collaboratori. Nell'ambito dei processi di gestione e sviluppo del personale, così come in fase di selezione, le decisioni prese sono basate sulla corrispondenza tra profili attesi e profili posseduti dai collaboratori e/o su considerazioni di merito. I responsabili utilizzano e valorizzano pienamente tutte le professionalità presenti nella struttura mediante l'attivazione degli strumenti disponibili per favorire lo sviluppo e la crescita dei propri collaboratori.
La formazione è assegnata sulla base di specifiche esigenze di lavoro e di sviluppo professionale in ambito aziendale. FRIUL CLEAN si impegna a preservare, soprattutto con azioni preventive, l’ambiente, la salute e la sicurezza dei lavoratori secondo quanto stabilito dal D. Lgs n. 81/2008. FRIUL CLEAN si impegna ad adeguare il lavoro alla persona, in particolare per quanto concerne la concezione dei posti di lavoro e la scelta delle attrezzature di lavoro e dei metodi di lavoro. FRIUL CLEAN, inoltre, si adopera per il miglioramento continuo dell'efficienza delle strutture aziendali e dei processi che contribuiscono alla continuità dei servizi erogati. FRIUL CLEAN, raccoglie e tratta i dati personali, sensibili e non, dei propri dipendenti e delle persone fisiche e/o giuridiche con le quali intrattiene relazioni o rapporti. Tale trattamento, ove previsto, viene effettuato con il consenso degli interessati ed avviene con le modalità ed i limiti previsti del D. Lgs. 196/2003. È esclusa qualsiasi indagine sulle idee, le preferenze, i gusti personali e, in generale, la vita privata dei collaboratori. Tali standard prevedono inoltre il divieto, fatte salve le ipotesi previste dalla legge, di comunicare/diffondere i dati personali senza previo consenso dell'interessato e stabiliscono le regole per il controllo, da parte di ciascun collaboratore, delle norme a protezione della privacy. In particolare FRIUL CLEAN recepisce le indicazione del Garante per la protezione dei dati personali contenute nel documento “Linee guida del Garante per la posta elettronica e internet” del 1° Marzo 2007. FRIUL CLEAN si impegna a tutelare l'integrità morale dei collaboratori garantendo il diritto a condizioni di lavoro rispettose della dignità della persona. Per questo motivo salvaguarda i lavoratori da atti di violenza psicologica e contrasta qualsiasi atteggiamento o comportamento discriminatorio o lesivo della persona, delle sue convinzioni e delle sue preferenze (per esempio, nel caso di ingiurie, minacce, isolamento o eccessiva invadenza, limitazioni professionali). Non sono ammesse molestie sessuali e devono essere evitati comportamenti o discorsi che possano turbare la sensibilità della persona (per esempio, l'esposizione di immagini con espliciti riferimenti sessuali, allusioni insistenti e continuate). Il collaboratore di FRIUL CLEAN che ritiene di essere stato oggetto di molestie o di essere stato discriminato per motivi legati all'età, al sesso, alla sessualità, alla razza, allo stato di salute, alla nazionalità, alle opinioni politiche e alle credenze religiose, ecc., può segnalare l'accaduto alla al Presidente del Consiglio di Amministrazione che valuterà l'effettiva violazione del Codice Etico Aziendale.

2.6 RAPPORTI CON LA COLLETTIVITÀ
La comunicazione di FRIUL CLEAN verso l’esterno è improntata al rispetto delle leggi, delle regole, delle pratiche di condotta professionale, ed è realizzata con chiarezza, trasparenza e tempestività, salvaguardando, tra le altre, le informazioni price sensitive e i segreti industriali. Ogni comunicazione che viene fatta tramite presentazioni e materiale promozionale deve essere veritiera e corrispondere alle modalità di comportamento stabilite da questo Codice Etico Aziendale.
Per garantire completezza e coerenza delle informazioni, i rapporti di FRIUL CLEAN con i mass- media possono essere tenuti esclusivamente con il coordinamento delle funzioni preposte dall’amministrazione.

3 REGOLE DI CONDOTTA

3.1 RISPETTO DELLE PROCEDURE AZIENDALI.
FRIUL CLEAN si è certificata con sistemi di qualità rispondenti ai requisiti delle norme ISO 9001:2015, ISO 14001:2015, ISO 45001:2018 e SA8000:2014, che descrivono le attività, i processi, le procedure, le responsabilità, l’organizzazione aziendale e la sicurezza dei dati, in conformità delle quali i soci/dipendenti di FRIUL CLEAN devono svolgere le proprie attività. In particolare le procedure aziendali regolamentano lo svolgimento di ogni operazione e transazione, di cui devono potersi rilevare la legittimità, l’autorizzazione, la coerenza, la congruità, la corretta registrazione e verificabilità, anche sotto il profilo dell’utilizzo delle risorse finanziarie. Il Consiglio di Amministrazione è personalmente impegnato e tutte le funzioni aziendali attivate perché la collaborazione e l'applicazione dei Sistemi di Gestione per la Qualità sia massima parte di tutto il personale. Ogni operazione e transazione dovrà quindi essere supportata da adeguata, chiara e completa documentazione da conservare agli atti, in modo da consentire in ogni momento il controllo sulle motivazioni, le caratteristiche dell’operazione e la precisa individuazione di chi, nelle diverse fasi, l’ha autorizzata, effettuata, registrata e verificata. Il rispetto delle indicazioni previste dalle procedure consente tra l’altro di diffondere e stimolare a tutti i livelli aziendali la cultura del controllo, che contribuisce al miglioramento dell’efficienza gestionale e costituisce uno strumento di supporto all’azione manageriale. Eventuali inosservanze delle procedure e del Codice Etico Aziendale compromettono il rapporto fiduciario esistente tra FRIULCLEAN e coloro che, a qualsiasi titolo, interagiscono con essa.

3.2 TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA
FRIUL CLEAN garantisce il rispetto dei propri doveri relativi alla salute e sicurezza dei lavoratori secondo quanto è espresso dagli articoli 15, 16, 17, 18, 19 del D. Lgs n. 81/2008. E’ considerato vincolante per tutti i dipendenti il rispetto dei principali doveri relativi alla salute e sicurezza propria e dei colleghi, secondo quanto è espresso dall’articolo 20 del D. Lgs n. 81/2008.
FRIUL CLEAN ha definito una politica ambientale, della salute e della sicurezza dei lavoratori che si impegna a perseguire.

3.3 TUTELA ED USO CORRETTO DEI BENI AZIENDALI
FRIUL CLEAN possiede vari di beni, compresi quelli tangibili, le informazioni di proprietà ed i beni intellettuali. Ciascun dipendente è tenuto a tutelare quelli affidatigli ed a contribuire a tutelare tutti i beni di FRIUL CLEAN. In caso di perdita o rischio di perdita di beni della Società, segnalare il fatto al Presidente del Consiglio di Amministrazione. Tutti i dipendenti sono tenuti a rispettare quanto definito nella norme interne vigenti che descrivono le modalità di comportamento ed il corretto utilizzo degli strumenti informatici che l’azienda mette a disposizione dei dipendenti. In particolare i sistemi di comunicazione aziendali, compresi i collegamenti ad Internet, vanno utilizzati soltanto per svolgere le attività professionali o per altri fini strumentali autorizzati dalla rispettiva direzione, dalla pertinente direttiva dell’Azienda o da istruzioni in merito. Il dipendente deve aver cura di seguire sempre le istruzioni sull’uso delle password e dei codici a lui assegnati.
Gli usi impropri dei sistemi di comunicazione aziendali includono l’elaborazione, la trasmissione, il recupero, l’accesso, la visualizzazione, l’immagazzinamento, la stampa ed in generale la diffusione di materiali e dati fraudolenti, vessatori, minacciosi, illegali, razzisti, di orientamento sessuale, osceni, intimidatori, diffamatori o comunque non congrui ad un comportamento professionale. Inoltre devono essere trattati con la dovuta cura i beni intellettuali dell’azienda che sono di vario genere e comprendono, fra l’altro, programmi software, documentazione tecnica ed invenzioni. I beni intellettuali creati dai dipendenti nel corso del loro lavoro vengono trasferiti e ceduti a FRIUL CLEAN a norma delle leggi vigenti e/o del rispettivo contratto di assunzione od altro accordo, ferme restando le eccezioni previste da convenzioni internazionali, leggi locali od accordi particolari. Al termine del rapporto lavorativo bisogna restituire tutti i beni di proprietà della Società, comprese documentazioni e supporti contenenti informazioni proprietarie di FRIUL CLEAN. L’ex dipendente rimane comunque soggetto alle restrizioni sull’uso e sulla divulgazione di informazioni di proprietà della Società.

3.4 PROTEZIONE DELLE INFORMAZIONI
I dipendenti FRIUL CLEAN hanno accesso ad informazioni di proprietà della Società, e talvolta anche a quelle di terzi. Tali informazioni possono essere dati finanziari, programmi industriali, informazioni tecniche, informazioni sui dipendenti e sui clienti, ed altri tipi di informazione. L’accesso, l’uso e la divulgazione di tali informazioni senza autorizzazione potrebbero danneggiare FRIUL CLEAN od il soggetto terzo, pertanto ai dipendenti è vietato l’accesso, l’uso o la divulgazione di tali informazioni senza la dovuta autorizzazione. Ecco alcune regole che aiutano a proteggere le informazioni:
• Non divulgare a nessuno informazioni che FRIUL CLEAN non abbia reso di pubblico dominio, salvo a:
o persone che lavorando per FRIUL CLEAN abbiano accesso nel corso del loro lavoro al tipo di informazioni in questione ed abbiano buon motivo per averle;
o altre persone autorizzate da FRIUL CLEAN a riceverle;
o persone alle quali tali informazioni debbono essere trasmesse secondo quanto previsto dalle proprie mansioni.
o on accedere, non duplicare, non riprodurre e non fare uso, né direttamente né indirettamente, di informazioni di proprietà aziendale, se non nel contesto dei propri compiti e lavori.
o Venendo a sapere di un uso o trattamento illecito di informazioni riservate, segnalare tempestivamente il fatto al Presidente del Consiglio di Amministrazione e collaborare pienamente per proteggerle.
o Non immagazzinare informazioni FRIUL CLEAN su computer privati od altri supporti non forniti da FRIUL CLEAN
o Dovendo portare informazioni all’esterno della sede FRIUL CLEAN per finalità professionali, si dovrà riportarle in sede non appena ultimato tali compiti all’esterno.

3.5 CONFLITTO DI INTERESSI
Un conflitto di interesse è generalmente qualsiasi attività che sia o appaia essere in contrasto con i migliori interessi aziendali di FRIUL CLEAN. Qualunque conflitto d'interesse effettivo o percepito in violazione di questo Codice Etico Aziendale deve essere riportato al Presidente del Consiglio di Amministrazione. I soci lavoratori e/o dipendenti non possono lavorare o fornire consulenze in modo diretto o indiretto a un concorrente o impegnarsi in attività in competizione con gli interessi economici di FRIUL CLEAN, incluso il lavoro per un fornitore. Non è accettabile che un dipendente utilizzi gli elenchi di clienti o i contatti di FRIUL CLEAN per commercializzare beni e servizi propri o di terzi, anche se essi non sono in competizione con i prodotti o i servizi FRIUL CLEAN. I dipendenti devono evitare qualunque interesse finanziario materiale in Società in cui tale interesse possa trovarsi in conflitto con gli interessi aziendali di FRIUL CLEAN.

4 CONTROLLO DELL'OSSERVANZA DEL CODICE ETICO
Tutti devono rispondere delle proprie azioni e della propria condotta. Nessuno ha l'autorità di richiedere di violare questo codice di condotta o di influenzarlo in questo senso e che qualunque tentativo di questo tipo è soggetto a immediata azione disciplinare.

4.1 Controllo e policy sulla Sicurezza
Il Presidente del Consiglio di Amministrazione di FRIUL CLEAN provvede fra l’altro, anche attraverso opportune deleghe a:
• Vigilare sul rispetto del Codice Etico
• Gestire tutti gli aspetti legati alla conoscenza ed all’applicazione del Codice Etico
• Ricevere le segnalazioni delle violazioni del Codice Etico Aziendale, assicurando la riservatezza sulle fonti di tali segnalazioni.
• Provvedere all’aggiornamento del Codice Etico Aziendale.
Ognuno è tenuto a segnalare al Presidente del Consiglio di Amministrazione di Friul Clean comportamenti ritenuti contrari alla legge od al Codice Etico Aziendale.

4.2 MISURE DISCIPLINARI
Per quanto sopra richiamato e specificato tutto il personale della FRIUL CLEAN a qualsiasi titolo collaborante con la Cooperativa è tenuto al rispetto dei contenuti del presente Codice Etico Aziendale. L’osservanza pertanto rappresenta parte essenziale delle obbligazioni contrattuali di tutto il personale.
Nel caso di comportamenti non idonei FRIUL CLEAN ha previsto un sistema sanzionatorio che si rifà ai contenuti della contrattazione Collettiva del settore di appartenenza e al regolamento interno dei soci.

4.2.1 MISURE NEI CONFRONTI DI AMMINISTRATORI
In caso di violazione del presente Codice Etico Aziendale da parte di amministratori, con la massima tempestività il Consiglio d'Amministrazione di FRIUL CLEAN prenderà i provvedimenti del caso nel rispetto delle vigenti leggi e dei vigenti regolamenti.

4.2.2 MISURE NEI CONFRONTI DI DIRIGENTI, QUADRI E IMPIEGATI
Le sanzioni disciplinari previste a carico di dirigenti, quadri e impiegati sono quelle previste dagli specifici contratti collettivi nazionali di lavoro di ciascuna categoria.

4.2.3 MISURE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI TERZI
Le sanzioni disciplinari per i terzi che intrattengono rapporti contrattuali con FRIUL CLEAN, siano essi persone fisiche o giuridiche, sono costituite dalla risoluzione dei rapporti contrattuali in essere, fatto salvo il diritto al risarcimento del danno.

Scrivici una e-mail [email protected]
Preferisci telefonarci? +39 0432 507398